Fenomenologia della palla - Alberto Sogliani

Racconto sportivo

Fenomenologia della palla

Fenomenologia della palla

La nostra rassegna di storie sportive firmate da Alberto Sogliani.


Cos’é un pallone? Qualcosa di rotondo, ma non è necessario. Qualcosa da prendere a calci, oppure da lanciare. Qualcosa da cercare di afferrare con le mani. Qualcosa con cui giocare. Qualcosa con cui sognare.
Non contano le dimensioni: può essere un pezzetto di carta, appunto, appallottolato con il quale cercare di fare canestro nel bidone delle spazzature. Può essere un sasso calciato mentre cammini cercando di farlo passare tra le grate di un tombino. Oppure può essere qualcosa di enorme, come una mongolfiera che animava la voglia di evadere e conoscere il mondo nei tempi andati.

Il primo pallone che ricordo nella memoria fu un palloncino delle giostre, quelli gonfiati ad aria compressa, che mi era scappato di mano in casa e ed era rimasto sul soffitto. Sarebbe volato in cielo, era in trappola.

Poi ci fu il mio pallone da calcio. Quello che mi regalò mio padre e fu un vero amico di infanzia. Ammetto che lo avrei preferito bianco e nero ad esagoni e pentagoni, come quello in premio con le “valide” delle raccolte per calciatori Panini. Invece era bianco ed azzurro. Quei colori però durarono non più di 4 o 5 partite: poi diventò ben presto marrone, perdendo lo smalto ma non l’odore di cuoio che ancora ogni tanto mi viene in mente. Insieme a migliaia di ricordi di momenti spensierati o anche meno, come quando mi ruppi la spalla o mi feci un taglio profondo nella gamba inseguendolo dentro una buca.

Da adulto, per un periodo, in casa ho appeso alla parete un manifesto con tutte le palle (o quasi) di ogni sport del mondo. La palla è qualcosa di mistico, un argomento da approfondire. Fossi un filosofo cercherei di capire perché l’uomo sia entrato in simbiosi con questi piccoli, o grandi, oggetti di forma quasi sempre sferica. Di sicuro non è una cosa banale.

Articoli della stessa sezione

Quel vecchio campetto dietro la chiesa

Alberto Sogliani propone il suo un racconto realizzato per partecipare ad un concorso di storie sportive.

Battaglie nel fango

Le interminabili lotte nel fango delle partite di calcio dei ragazzi, di Alberto Sogliani.

Il colore della passione

Giornalismo, tifo, professione e passione che si fondono nell'ampia esperienza di Alberto Sogliani.

Nuove strade per il Mantova calcio

Alberto Sogliani propone la sua visione sulla situazione della squadra di calcio mantovana.
Immagine di Alberto Sogliani

a cura di Alberto Sogliani

Alberto Sogliani è nato e vive a Mantova, dove svolge le professioni di insegnante e giornalista sportivo. Attualmente è collaboratore del quotidiano “La Gazzetta di Mantova”, in precedenza per “La Voce di Mantova”, “Corriere dello Sport-Stadio” e “La Gazzetta dello Sport”. Ha inoltre partecipato a molte esperienze giornalistiche della sua città: in particolare è stato redattore per il periodico “Noi”, con articoli di sport e di costume, e collaboratore per Mantova Tv, dove ha curato per qualche tempo il telegiornale sportivo. Spesso è invitato ancora come opinionista in trasmissioni radiofoniche e televisive, oltre che come moderatore in convegni a carattere sportivo. Nel novembre del 2018 ha ricevuto il premio “Cristian Ghirardi-Un calcio per i giovani”, alla memoria, dedicato a chi promuove lo sport ed i suoi valori.

Gli ultimi articoli di CambioSquadra

Gli articoli più letti di CambioSquadra